Aiuti ai Pescatori per attività complementari alla pesca

Share Button

Con D.D.G. n. 247/Pesca del 31.7.2017, il Dipartimento Regionale della Pesca ha approvato il Bando di attuazione della Misura 1.30 del PO FEAMP 2014-2020 “Diversificazione e nuove forme di reddito”.

L’obiettivo del bando –  rivolto ai Pescatori (qualsiasi persona fisica o giuridica che esercita l’attività di pesca professionale) – è quello di promuovere la diversificazione delle attività̀
e, quindi, contribuire in maniera consistente alla riduzione della pressione sugli stock ittici e al miglioramento della redditività del settore.

La misura contribuisce, ai sensi dell’art. 30 del Reg. (UE) n. 508/2014, alla diversificazione del reddito dei pescatori tramite lo sviluppo di attività complementari, compresi investimenti a bordo, turismo legato alla pesca sportiva, ristorazioneservizi ambientalilegati alla pesca e attività pedagogiche relative alla pesca.
Oltre alla diversificazione del reddito, la misura contribuisce ad accrescere il livello di formazione dei pescatori su ambiti produttivi correlati alla pesca (turismo legato alla pesca sportiva, ristorazione, servizi ambientali e attività̀ pedagogiche); il beneficiario, infatti, al fine di accedere al sostegno di cui alla Misura 1.30, deve dimostrare di avere idonee competenze professionali nell’ambito del settore oggetto di diversificazione.
Pertanto, potranno essere finanziati, con un contributo pari al 50% della spesa totaleammissibile,  investimenti che contribuiscono alla diversificazione e alla nuove forme di reddito degli operatori del settore, tramite lo sviluppo di attività̀ complementari correlate all’attività̀ principale della pesca, quali ad esempio:

  • investimenti a bordo (strettamente attinenti al progetto);
  • turismo legato alla pesca sportiva;
  • ristorazione (come attività complementare a quella della pesca);
  • servizi ambientali legati alla pesca;
  • attività̀ pedagogiche relative alla pesca.

L’importo del sostegno concesso non può essere superiore a 75.000 euro per ciascun progetto.

Le domande, con relativi allegati, vanno inviate con raccomandata o direttamente recapitate al Dipartimento Regionale della Pesca, via degli Emiri 45 Palermo, o presso un Ufficio Territoriale della Pescaentro le ore 14,00 del 13.10.2017Non fa fede il timbro postale, bensì la data e l’ora di ricevimento dell’istanza all’ufficio Protocollo del Dipartimento Pesca o dell’Ufficio Territoriale.

Per ulteriori info, per scaricare il bando e gli allegati consulta il link